5 step per stabilire un piano marketing strategico e operativo

Quando si parla di marketing strategico, al giorno d’oggi, si fa riferimento al marketing online effettuato attraverso il sito web aziendale e i canali social.

 

Il marketing strategico è leggermente differente da quello standard perché si concentra con particolare attenzione ed interesse alle problematiche del collettivo, cercando una soluzione concreta per i loro reali bisogni quotidiani.

Ormai tutte le attività di marketing, come abbiamo potuto vedere anche dai due precedenti articoli, si stanno sposando sempre di più verso i social network e i siti web. Per questo motivo prima di stabilire un piano marketing strategico operativo, che sia veramente efficace e abbia un ritorno economico reale, è necessario tenere in considerazione questi aspetti fondamentali.

In questo articolo abbiamo voluto raccogliere in cinque punti quali sono gli step da effettuare per determinare un piano marketing strategico al giorno d’oggi. Naturalmente sono tutte attività da svolgere online con l’impiego di profili social professionali e di un sito web corporate aggiornato e performante.

 

5 step da seguire alla lettera per stabilire e determinare un piano marketing strategico

 

marketing-strategico

 

1. Definire gli obiettivi

Il primo step del piano marketing strategico è una fase di studio e ricerca, utile a stabilire quali obiettivi avete intenzione di raggiungere. Prima di tutto è importante definire il target a cui sono destinati i vostri servizi e prodotti, poi potete procedere con un’accurata ricerca online che vi permette di conoscere quali sono i trend del momento e le keyword più digitate sui motori di ricerca dagli utenti interessati al vostro campo di lavoro.

 

2. Scegliere i canali web su cui puntare per farsi trovare più facilmente

Una volta stabiliti gli obiettivi, compreso il target di riferimento, è necessario concentrarsi sui canali web più indicati per raggiungere e farsi trovare dai futuri clienti.
Per prima cosa è opportuno analizzare con attenzione le keyword più cercate e più competitive sui motori di ricerca. Una volta determinate quali sono le parole chiave da utilizzare, è necessario ottimizzare i contenuti di tutte le pagine del proprio sito web secondo la precedente analisi SEO.

Una volta che il sito è ottimizzato e performante, il prossimo step del marketing strategico è l’utilizzo dei canali social per la condivisione dei contenuti. I social network agiscono come porta d’ingresso verso il sito web aziendale e permettono di raggiungere un vasto numero di pubblico in breve tempo.

Un piano marketing strategico deve avere, inoltre, la pianificazione di un blog costantemente aggiornato, attraverso il quale è possibile cogliere l’attenzione degli utenti e attirarli come pesci nella rete verso il proprio sito web.

 

marketing-strategico-2

3.  Convertire i visitatori in clienti

La parte più difficile di un piano marketing strategico è quello di riuscire a trasformare chi visita il sito in un possibile cliente.
Per farlo è importante avere tutti gli strumenti adeguati e pensati per generare verso interesse e bisogno nel pubblico. Ad esempio è utile avere una landing page di atterraggio alla campagna online studiata a regola d’arte in tutte le sue parti: dal design che deve essere accattivante, alle call to action inserite in punti strategici e in bottoni cliccabili, al form di contatto per richiedere informazioni che deve essere visibile, semplice e funzionale.

 

4.  Coordinare gli strumenti

Il quarto step del marketing strategico è la coordinazione di tutti i componenti impiegati attivamente sul campo. E’ opportuno infatti possedere degli strumenti di web marketing per stabilire quali sono i principali movimenti degli utenti sia sul sito web aziendale, sia sulle landing page che attraverso i social.
Avere un tracciato delle azioni dei visitatori è importante perché permette di verificare a colpo d’occhio quali sono le cose che funzionano meglio e quelle poco efficaci sulle quali è necessario lavorare.
Inoltre, avere uno strumento di web marketing permette di diversificare le comunicazioni per raggiungere al meglio tutti gli utenti suddivisi in diverse tipologie di taget.

 

5. Analisi dei risultati

Ora che il tuo piano marketing strategico è arrivato alla fase finale non rimane altro che verificare ed analizzare con attenzione l’andamento delle campagne e analizzare il ROI.

Se il ROI, (return on investment), letteralmente il ritorno sugli investimenti, è stato positivo a seconda del budget investito per la campagna marketing, la strategia impiegata è stata efficace e produttiva; se invece il ROI risulta alla fine essere negativo, è necessario rivedere il piano marketing, analizzando e correggendo gli aspetti poco funzionali della strategia, e ripetere le azioni fatte senza scoraggiarsi.

 

Leave a Reply

avatar
Go to top

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi