La psicologia dei fonts

Chiunque, e non solo chi si occupa di grafica, almeno una volta nella vita  ha dovuto affrontare la difficile scelta del font corretto da utilizzare per il proprio lavoro. Ma qual’è il significato che si nasconde dietro i fonts?

 

I fonts sono un elemento importantissimo in qualsiasi ambito lavorativo. In un periodo dove con il computer ormai si fa qualsiasi cosa, è utile conoscere la psicologia che si nasconde dietro un font, per poterlo scegliere correttamente durante la stesura di un progetto.
La scelta corretta dei fonts non è solo una prerogativa dei grafici, che li utilizzano nelle proprie produzioni creative, ma di tutte quelle persone che necessitano di scrivere una presentazione o impaginare un testo che deve essere pubblicato.
Dietro ogni famiglia di fonts esiste, infatti, un significato nascosto che è in grado di imprimere un carattere unico al font in questione.
Vediamo insieme quali sono i fonts più comuni e in quali occasioni è meglio impiagarne uno piuttosto che un altro.

 

Diversi fonts per ogni occasione e perche’.

Psicologia FontsRacchiuse ed elencate all’interno dell’Infografica qui a fianco, troviamo 5 famiglie di fonts fra le più utilizzate ad oggi, sia nel web che nella grafica tradizionale: il serif, il sans serif, lo slab serif,  lo script e il modern.

 

1. Per eventi aziendali
Il serif è fra le varie famiglie di fonts il più adatto per gli eventi aziendali. Il serif ha un carattere autoritario, rispettabile e serio, per questo motivo viene impiegato per le comunicazioni e i documenti ufficiali di una compagnia aziendale. Fra i fonts di questa famiglia, infatti, fanno parte il comunissimo Times New Roman, Georgia e Baskerville, tutti fonts ad effetto e molto solenni.

 

2. Per conferenze e seminari
Helvetica, Verdana, Arial, Calibri, Century Gothic sono i nomi più comuni in assoluto per quanto riguarda il mondo dei fonts.
Chiari, moderni e universali tutti i fonts che fanno parte della famiglia dei san serif sono utilizzati in qualsiasi ambito, dal web alla grafica tradizionale, al video. In particolare, nel mondo professionale del lavoro è meglio usare questo tipo di fonts per seminari e conferenze, ma si possono trovare benissimo anche in qualsiasi altro ambito.

 

3. Concerti e festival
La famiglia dello slab serif è meno comune rispetto alla precedente. Sicuramente nomi come Rockwell e Bevan per molti non dicono nulla, ma è possibile riconoscerli dal punto di vista grafico perché sono impiegati molti per realizzare locandine di eventi, concerti o festival. Il carattere di questi fonts è forte, allegro e carico di energia, proprio come un bel concerto dal gusto rock.

 

4. Cene e party esclusivi
Sicuramente molto più elegante dello slab serif, lo script è la famiglia di fonts che viene utilizzata per eventi esclusivi e feste dal carattere elegante, femminile e dal gusto raffinato. I più utilizzati sono il Lucida e il Pacifico.

 

5. Eventi privati
Per gli eventi privati la famiglia di fonts più utilizzata è quella del modern. Esclusivi, fashion e dal carattere moderno, questi tipi di fonts sono impiegati per dare un tocco di stile ai tuoi inviti personali.

 

Leave a Reply

avatar
Go to top

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi